- il 17 maggio 2013 è nata ADL Varese - Democrazia, Trasparenza, Autonomia e Coerenza non devono essere solo delle parole vuote - ADL Varese non vuole essere ne più grande ne più bella ne più forte, ma semplicemente coerente -

- nel 1992 nascono FLMUniti Varese e CUB Varese, contemporaneamente nascono FLMUniti Nazionale e CUB Confederazione Nazionale -

- nel 2010 tutte le strutture di categoria della CUB Varese insieme a SDL Varese e RDB Varese si fondono e danno vita a USB Varese -

- nel 2013 USB Varese delibera a congresso l'uscita da USB e la nascita di ADL Varese mantenendo unite le precedenti strutture ex SDL Varese ex RDB Varese ex CUB Varese - -

lunedì 26 settembre 2016

Pensione al coniuge superstite. Illegittimità costituzionale dell’articolo 18 dichiarata con sentenza della Corte Costituzionale

Con la sentenza n. 174 del 15 giugno 2016, pubblicata il 20 luglio 2016, la Corte Costituzionale 
ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’ articolo 18, comma 5, del decreto legge 6 luglio 
2011, n. 98 convertito dalla legge del 15 luglio 2011, n. 111 secondo il quale “Con effetto 
sulle pensioni decorrenti dal 1° gennaio 2012 l'aliquota percentuale della pensione a favore 
dei superstiti di assicurato e pensionato nell'ambito del regime dell'assicurazione generale 
obbligatoria e delle forme esclusive o sostitutive di detto regime, nonché della gestione 
nei casi in cui il matrimonio con il dante causa sia stato contratto ad età del medesimo 
superiori a settanta anni e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a venti anni, 
del 10 per cento in ragione di ogni anno di matrimonio con il dante causa mancante rispetto 
al numero di 10. Nei casi di frazione di anno la predetta riduzione percentuale è 
proporzionalmente rideterminata. Le disposizioni di cui al presente comma non si 
applicano nei casi di presenza di figli di minore età, studenti, ovvero inabili. Resta 
fermo il regime di cumulabilità disciplinato 

Con la predetta sentenza la Corte ha ritenuto fondata la questione di legittimità costituzionale 
della norma in argomento in riferimento agli articoli 3, 36 e 38 della Costituzione.

La suprema Corte ha rilevato che ogni limitazione del diritto alla pensione di reversibilità 
deve rispettare i principi di uguaglianza, ragionevolezza, nonché il principio di solidarietà che
 è alla base del trattamento pensionistico in esame.

Fondo di integrazione salariale. Decreto interministeriale n. 94343 del 3 febbraio 2016 di adeguamento della disciplina del Fondo di solidarietà residuale

L’articolo 3, c. 19 della legge n. 92/2012 prevedeva, a decorrere dal 1° gennaio 2014, l’attivazione 
di un Fondo di solidarietà residuale volto a tutelare, in costanza di rapporto di lavoro, il reddito 
dei lavoratori dipendenti dalle imprese – con più di quindici dipendenti – appartenenti ai settori,
 tipologie e classi dimensionali non rientranti nel campo di applicazione della normativa in materia 
d'integrazione salariale, laddove non fossero stati stipulati accordi collettivi volti all’attivazione
 di fondi di solidarietà bilaterali o fondi di solidarietà bilaterali alternativi di cui, rispettivamente,
 ai commi 4 e 14 dell’art. 3 della citata legge.

Pertanto, con il decreto interministeriale n. 79141 del 7 febbraio 2014 è stato istituito, 
presso l’INPS, il suddetto Fondo residuale. Le relative disposizioni amministrative sono 
state emanate dall’Istituto con apposite circolari e messaggi, i cui estremi sono di seguito
 riportati: circolare n. 100/2014, circolare n. 79/2015, messaggio n. 6897/2014, messaggio
 n. 8673/2014 e, da ultimo, il messaggio n. 7637/2015 in ordine all’operatività dello stesso.

Ciò premesso, si evidenzia che il D.lgs n. 148/2015, recante disposizioni per il riordino 
della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, 
entrato in vigore il 24 settembre 2015, ha previsto, all’art. 28, c. 4, che la disciplina del 
Fondo residuale, istituito con D.I. n. 79141/2014, a decorrere dal 1° gennaio 2016, 
sia adeguata alle disposizioni del medesimo Decreto legislativo.

Conseguentemente, a norma dell’art. 29, il Fondo residuale a decorrere sempre dal 1° gennaio 
2016 assume la denominazione di Fondo di integrazione salariale e risultano ad esso applicabili, 
in aggiunta alle norme disciplinanti il Fondo residuale, altresì le previsioni di cui all’art. 29 
del D.lgs n. 148/2015.

Sostegno all’inclusione attiva: modalità di trasmissione delle domande all’Istituto

Con la circolare n. 133 del 19 luglio 2016 è stato illustrato l’avvio del Sostegno all’Inclusione Attiva 
(SIA).

Con il messaggio n. 3275 del 2 agosto 2016 sono stati forniti il modulo di domanda da presentare 
al Comune di residenza ed il tracciato informatico al quale i Comuni devono attenersi per 
l’invio dei flussi all’Istituto.

Con il messaggio n. 3322 del 5 agosto 2016 è stato allegato il modulo definitivo e sono 
state fornite le istruzioni operative per il corretto svolgimento delle attività legate al SIA.

Con il presente messaggio si precisano le modalità d’invio delle domande all’Inps da parte 
dei Comuni, evidenziando inoltre che, come da Decreto interministeriale 26 maggio 2016, questi 
ultimi possono operare anche attraverso il sistema SGAte direttamente o per il tramite 
di enti delegati opportunamente accreditati.


Modalità di trasmissione delle domande all’INPS

Il sistema informatico Inps per il SIA prevede i seguenti canali alternativi per l’invio delle domande 
da parte dei Comuni:

  • invio tramite file in formato xml, secondo la struttura (schema xsd) già pubblicata in allegato al messaggio n. 3275. L’invio va effettuato in modalità https, collegandosi  online alla procedura “SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva)” resa disponibile nella sezione “Servizi Online” - “Enti pubblici e previdenziali” del portale dell’Istituto;
  • acquisizione manuale online, collegandosi alla procedura “SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva)” resa disponibile nella sezione “Servizi Online” - “Enti pubblici e previdenziali” del portale Inps;
  • invio in cooperazione applicativa, dalla porta di dominio o sistema dell’Ente in grado di colloquiare con la porta di dominio Inps secondo le regole del Sistema Pubblico di Connettività (SPC), vale a dire con un formato basato sulla busta e-Gov e le medesime specifiche relative al formato xml di cui al citato messaggio Inps 3275;
  • invio attraverso la piattaforma SGAte. In quest’ultimo caso l’acquisizione delle domande può avvenire da parte degli Enti regolarmente accreditati e delegati dai Comuni su SGAte.
inps.it

Contributo una tantum per il sostegno di bambini nati nel 2014 in famiglie residenti a basso reddito

L’importo aggiuntivo è erogato a favore di:

a)     nati nel 2014, beneficiari della Carta Acquisti Ordinaria

Trattandosi di importo aggiuntivo, verrà erogato solo ai soggetti che hanno già diritto 
all’accredito bimestrale della Carta Acquisti.

b)    nati nel 2014 o minori adottati nel 2014

1.    nel caso di nati nel 2014 non beneficiari della carta acquisti ordinaria;
2.    nel caso di adottati nel 2014, minori di 3 anni e non beneficiari della carta acquisti 
ordinaria;
3.    nel caso di adottati nel 2014 di età superiore ai 3 anni al momento della richiesta.

In questi casi l’importo una tantum verrà concesso per le domande di Carta Acquisti 
presentate entro il 16 novembre 2016 e le domande dovranno essere presentate:
-       presso un ufficio postale in caso di beneficiari minori di 3 anni, come una normale carta 
acquisti;
-       direttamente all’INPS in formato cartaceo (allegato 2), in caso di adottati di età 
superiore ai 3 anni (con successivo messaggio Hermes saranno fornite le istruzioni per 
la gestione di tali richieste di beneficio).

Anche in questo caso il beneficio verrà erogato solo ai soggetti che rientrino negli stessi requisiti
 previsti per il diritto alla Carta Acquisti.

Fondi di solidarietà obbligo contributivo in relazione ai lavoratori apprendisti. Modalità di recupero

Come rappresentato con circolare n. 30 del 12 febbraio 2016, il titolo II, del D.lgs. 148/2015 ha 
ampiamente revisionato l’ambito di applicazione dei fondi di solidarietà e ha introdotto nuove 
disposizioni volte disciplinare il concreto avvio degli stessi.
Le prestazioni ordinarie dei fondi di solidarietà, descritte nella predetta circolare n. 30/2016, 
sono finanziate con un contributo ordinario, ripartito tra datore di lavoro e lavoratore 
nella misura, rispettivamente, di due terzi e di un terzo.
Sono i decreti di cui agli articoli 26, commi 2 e 3 (Fondi di solidarietà bilaterali), 28 (Fondo 
residuale) e 29 (Fondo di integrazione salariale), a determinare le aliquote di contribuzione 
ordinaria.
A seguito di approfondimenti, il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con nota prot. 
8475 del 14 aprile 2016, ha precisato che, a differenza di quanto previsto dalla legge n. 
92/2012, l’entrata in vigore del decreto legislativo n. 148/2015 ha modificato parzialmente anche
 il novero dei lavoratori in relazione ai quali sussiste obbligo di assoggettamento delle retribuzioni 
al contributo ordinario di finanziamento dei fondi di solidarietà.
In particolare, il primo periodo del comma 1 dell’articolo 39, estende ai Fondi di solidarietà 
l’applicazione delle disposizioni dell’articolo 2, commi 1 e 2. Tali norme, come rappresentato 
nel messaggio n. 24 del 5 gennaio 2016, stabiliscono che possono essere considerati 
tra i beneficiari dei trattamenti di integrazione salariale i lavoratori assunti con contratto 
di apprendistato professionalizzante. Dalle norme citate deriva che il decreto legislativo 
n. 148/2015 ha innovato la materia prevedendo espressamente che le prestazioni dei Fondi
 di solidarietà possano essere riconosciute agli apprendisti con contratto di apprendistato 
professionalizzante.
Con riferimento al personale assunto con contratto di apprendistato, viene precisato, 
pertanto, che la contribuzione ordinaria di finanziamento ai Fondi di solidarietà è applicata 
soltanto alla categoria degli apprendisti con contratto di apprendistato 
professionalizzante. L’esonero contributivo decorre dal periodo di paga in corso alla data 
di entrata in vigore del decreto legislativo n. 148/2015 (settembre 2015).

procedura acquisizione per via telematica delle domande di maternità di congedo post partum nei casi di parto prematuro

Con il presente Messaggio si comunica l’aggiornamento delle applicazioni per l’invio telematico 
delle domande di congedo di maternità per lavoratrici e lavoratori dipendenti e iscritti 
alla gestione separata per poter acquisire domande con periodi post partum nei casi di parto 
prematuro.

 Gli aggiornamenti svolgono la funzione di dare esecuzione a quanto previsto dal decreto
 legislativo n. 80 del 15 giugno 2015, articoli 2, 3 e 4 – circolare Inps n. 69 del 28/04/2016. 
Modifica degli artt. 16 e 26 D.lgs. n. 151 del 2001 (T.U.delle disposizioni legislative in 
materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità).

 Si tratta del congedo di maternità in caso di parto prematuro e sospensione del congedo in 
caso di ricovero del bambino. Modifica dell’art. 24 T.U. in materia di conservazione del diritto 
all’indennità di maternità. Modalità di pagamento, regime fiscale e istruzioni contabili.

L’aggiornamento in oggetto riguarda, in particolare, i casi di parti “fortemente” prematuri da
 intendersi con tale accezione quelli che si verificano prima dei 2 mesi antecedenti alla data 
presunta del parto, cioè prima dell’inizio del congedo ordinario ex lett. a dell’art. 16 del citato
 T.U..

venerdì 23 settembre 2016

Union syndicale Solidaires Solidarité internationale avec les ouvrier-e-s de Caterpillar Gosselies (Belgique)

Vendredi 16 septembre : Plusieurs milliers de personnes étaient présentes dans le centre de Charleroi pour témoigner leur soutien aux travailleurs et travailleuses de Caterpillar.
Cette action d’ampleur faisait suite à l’annonce par Caterpillar, le 2 septembre, de vouloir fermer son site de production à Gosselies (Charleroi).
Une fermeture d’autant plus mal vécue par les salarié-e-s que, contrairement à ce qu’avait promis la direction de Caterpillar, la lourde restructuration annoncée au site de Gosselies en 2013 n’a pas garanti l’avenir du site.
Les travailleurs-euses avaient notamment accepté plus de flexibilité et une moins bonne paie tandis que 1331 personnes s’étaient retrouvées licenciées en 2014.
Aujourd’hui, c’est de la fermeture pure et simple du site dont il est question. 2200 travailleurs-euses sont menacé-e-s et, avec les emplois indirects, on parle de 8000 personnes.
Et tout ceci à Charleroi, une ville et une région déjà profondément marquées par les fermetures d’entreprise, le marasme économique et un taux de chômage le élevé du pays avec 22,8%.
Les cadeaux du gouvernement à Caterpillar ont pourtant été nombreux. Le groupe ne paie en Belgique que 3% d’impôts depuis 10 ans au lieu du taux officiel de 34%. L’entreprise a utilisé ses filiales (notamment en Suisse) pour réduire ses comptes en Belgique et ensuite demander de l’aide à l’Etat belge.
Elle a bénéficié de millions d’euros de cadeaux fiscaux et de subventions publiques. En 2015, elle a réalisé plus de 2 milliards de bénéfices. Ses actionnaires ont reçu 1,6 milliard de dividendes. Pour quel résultat ?
Une fois de plus, le cynisme des patrons est révoltant autant qu’il est écoeurant.
Peu importe le coût humain, des vies brisées, celles des ouvrier-e-s et de leurs familles, seul compte, aux yeux des puissants, le fric. Les salarié-e-s de PSA Peugeot, du site d’Aulnay Sous Bois, en grève durant de longs mois en 2013, en savent quelque chose.
En tout état de cause, notre Union syndicale Solidaires (qui regroupe, entre autre, les différents syndicats SUD) ainsi que notre fédération Solidaires Industrie, soutiennent pleinement la légitime lutte des ouvrier-es de Caterpillar de Charleroi.
Nous appuierons notre soutien de classe par des actions, ici en France devant les sites de production et de vente du groupe Caterpillar, si besoin est.
Un coup contre l’un-e d’entre nous est
un coup contre nous tous et toutes !
Solidarité internationale !
Contacts :
Jérémie Berthuin (Commission internationale de Solidaires) : 06 64 97 58 05
Julien Gonthier (Solidaires Industrie) : 06 30 55 33 56

La solidarietà internazionale con i lavoratori
della Caterpillar Gosselies (Belgio)

Venerdì 16 settembre: Migliaia di persone erano presenti nel centro di Charleroi per mostrare il loro sostegno ai lavoratori Caterpillar. Queste azioni a seguito dell'annuncio di Caterpillar del 2 settembre, vogliono chiudere il suo sito di produzione a Gosselies (Charleroi). Una chiusura più risentita dal dipendente che, contrariamente a quanto promesso dalla gestione Caterpillar durante la pesante ristrutturazione  annunciata nel sito Gosselies nel 2013, non ha garantito il futuro del sito. I lavoratori avevano accettato, tra le altre cose, una maggiore flessibilità e un libro paga più basso, mentre 1331 persone sono state licenziate nel 2014. Oggi è la chiusura a titolo definitivo del sito in questione. 2200 lavoratori sono minacciati e, con i posti di lavoro indiretti, si parla di circa 8.000 persone.

E tutto questo a Charleroi, una città e una regione già profondamente colpite da chiusure aziendali, stagnazione economica e ad alto tasso di disoccupazione nel paese con il 22,8%.
I regali del governo a Caterpillar erano comunque molti.
Il gruppo paga in Belgio del 3% di tasse per 10 anni al posto del tasso ufficiale di 34%.
La società ha utilizzato le sue controllate (tra cui la Svizzera) per ridurre i suoi conti in Belgio e poi chiedere aiuto allo Stato belga.
Ha ricevuto milioni di euro in sgravi fiscali e sussidi pubblici.
Nel 2015, ha realizzato più di 2 miliardi di profitto.
I suoi azionisti hanno ricevuto 1,6 miliardi di dividendi.
Per che cosa?
Ancora una volta, il cinismo dei padroni è rivoltante più che nauseante.
Non importa il costo umano, vite spezzate, quelle dei lavoratori e le loro famiglie, una sola considerazione, agli occhi dei potenti, il denaro.
I dipendenti di PSA Peugeot, il sito di Aulnay Sous Bois, in sciopero per mesi nel 2013, ne sanno qualcosa.
In ogni caso, il nostro sindacato “Solidaires Industrie” (che comprende, tra gli altri, i vari sindacati del S.u.d.) e la nostra federazione Solidaires Industrie, supporta pienamente la legittima lotta dei lavoratori Caterpillar Charleroi.
Sosterremo il nostro sostegno attraverso azioni di classe qui in Francia presso i siti di produzione e le vendite del gruppo Caterpillar, se necessario.

Un colpo contro uno di noi è un colpo contro tutti noi!
solidarietà internazionale! 

mercoledì 21 settembre 2016

PI In Movimento RIPRENDIAMO IL CAMMINO:RIUNIONE DI COORDINAMENTO DELEGATI RSU PUBBLICO IMPIEGO

PI In Movimento
RIPRENDIAMO IL CAMMINO
Appello ai partecipanti all’Assemblea di Bologna del 9 aprile 2016, Pubblico Impiego in Movimento, per riprendere il percorso unitario che avevamo costruito insieme con la mozione finale di Bologna: “Diamo vita ad un coordinamento stabile delle realtà di base, dei delegati \lavoratori della Pa e a partire da oggi ci riuniremo periodicamente per estendere e rafforzare la mobilitazione e dare forza alle proposte scaturite dalla assemblea”.

Non passa giorno senza qualche "succosa" anticipazione riguardante la prossima manovra finanziaria   o  le misure previdenziali o il contratto degli statali. Di sicuro l'estate è trascorsa non invano per Confindustria e Cgil Cisl Uil che a inizio settembre hanno redatto una proposta comune sugli ammortizzatori sociali che non porta benefici ai lavoratori ma solo alle aziende e spiana la strada a licenziamenti di massa "condivisi".
Dopo la boutade di un rinnovo contrattuale per il pubblico con aumenti solo per una minoranza di lavoratori\trici, ora si fanno strada alcune ipotesi ancor meno rassicuranti. Dopo la intesa di Luglio sull'igiene ambientale, l'aumento dell'orario di lavoro non è piu' un tabù visto che al risibile stanziamento di risorse si aggiunge la ipotesi di accrescere la flessibilità oraria barattando pochi e ridicoli aumenti con una settimana lavorativa piu' lunga. La durata della settimana lavorativa va ormai verso le 38\40 ore settimanali , magari nel pubblico impiego lasceranno la possibilità di decidere se allungare la settimana o restare alle 36 ore attuali con una decurtazione salariale. Una ennesima beffa e un danno economico perchè risparmierebbero perfino sugli straordinari e sulla banca delle oreIn questo scenario il pubblico impiego sembra non volersi attivare come se tutto potessero decidere sulla nostra pelle.  Da qui a fine mese, Governo e  sindacati è probabile che sottoscrivano un accordo definitivo aggiungendo qualche soldo alla miseria dei 300 milioni di euro che tutti sanno essere appena sufficienti per dieci euro di aumento effettivo al meseMa altre misure sono all'orizzonte come una ulteriore restrizione del diritto di sciopero e normative penalizzanti per permessi e malattie brevi.

Ma cosa vogliamo noi? Siamo capaci di avanzare proposte che accompagnino una mobilitazione duratura ed efficace?  Le risposte ad oggi sono solo negative a confermare la incapacità di costruire un movimento a difesa del pubblico che necessiterebbe di un piano straordinario di assunzioni. di non aumentare l'orario di servizio, di ridurre il numero dei dirigenti che incidono non poco sulla spesa complessiva per accordare aumenti contrattuali almeno pari ai fatidici 80 euro  per una cifra complessiva di 3 miliardi di euro, ben piu' dei 300 milioni inizialmente stanziati. La esperienza intrapresa da  Pubblico impiego in movimento, tra Novembre 2015 l'inizio della primavera scorsa, sembrava avere smosso le acque stagnanti e putride in cui si dibatte la contrattazione nel pubblico, un tentativo di mettere insieme e in rete esperienze di base, di rsu, di semplici lavoratori e lavoratriciQuesta esperienza si è scontrata con i limiti storici del  sindacalismo di base e della sinistra sindacale, con la difficoltà a superare divisioni e steccati per mettere in campo una azione piu' incisiva da cui ciascuna realtà trarrebbe per altro giovamento.
Ora vogliamo riprovarci perchè se non costruiamo una risposta adeguata anche le esperienze oggi esistenti del sindacalismo di base soccomberanno davanti ad una iniziativa che mira a cancellare migliaia di posti di lavoro, a esternalizzare servizi, a indebolire il potere di acquisto e di contrattazione.
Per costruire una iniziativa unitaria e rispondente ai bisogni reali dei lavoratori e delle lavoratrici serve chiarezza di intenti, Il nostro scopo è provare a costruire una mobilitazione nei luoghi di lavoro per resistere alla barbarie che incombe in materia di lavoro e diritti.

RIUNIONE DI COORDINAMENTO DELEGATI RSU PUBBLICO IMPIEGO
Per il giorno
Giovedì 22 Sett. 2016 a partire dalle ore 14.00
Presso la sala riunioni RSU in Stazione Centrale - Binario 21 - scala E - quarto piano


lunedì 19 settembre 2016

GLI ESODATI SI MOBILITANO ANCORA

Devono essere garantiti TUTTI gli ESODATI fino alla pensione
GLI ESODATI SI MOBILITANO ANCORA
DOPO NON CI SARA’ PIU’ TEMPO
CHI DORME NON PIGLIA PESCI, CHI ASPETTA E NON LOTTA HA GIA’ PERSO 

ESODATI ANCORA TUTTI A ROMA
PRESIDIO
21 settembre  2016
dalle 9.30 alle 13.00
MINISTERO del LAVORO
Dalle14.00 alle 18.00
INPS alla Direzione Generale

I sindacati incontrano il Governo il 21 sett. con l'intero movimento dei lavoratori che chiedono modifiche alla riforma Fornero ( esodati , precoci , opzione donna, pensionati al minimo , ricongiunzioni gratuite, quindicenni , insegnanti e ATA del scuola quota 96 , macchinisti ecc).  Noi facciamo un presidio il 21-9 al Ministero del Lavoro Via Veneto 56 al mattino ( per incontri  per OTTAVA e problemi settima ) e precoci e opzione donna ecc al pomeriggio.  Le OO SS  non organizzano presidi ma decideranno dopo l’incontro con Governo ma  si andrà a oltre  20 gg dopo. Nel frattempo la legge di stabilità sarà presentata il 27-9 al parlamento (Senato).  Il rischio è che la conferenza dei servizi sarà convocata tardi e la commissione lavoro non avrà risposte dal Governo per approvazione degli emendamenti e il rischio è che i Ministeri  riscrivano ridimensionando la OTTAVA al 2018 e a 12 mesi dopo la fine della mobilità presentandola il 27-9 al Senato. Noi saremo a Roma per sollecitare la OTTAVA subito a settembre e per far approvare gli emendamenti richiesti alla pdl 3893. Un presidio unitario per CHIEDERE la ottava SUBITO e i dati dei risparmi a DG INPS per attivare la conferenza dei servizi e ottenere la ottava a settembre approvata in commissione lavoro con approvazione di numerosi emendamenti attesi da molti esodati.  Un presidio per evitare che la OTTAVA sia ridotta e maxi emendata dal Governo in legge di bilancio.

10 settembre 2016

"A Piacenza il sindacalismo di base ha dato una amara rappresentazione di se"

Intervento di Federico Giusti
In viaggio per Piacenza, entri in città e capisci il clima creato ad arte dalle dichiarazioni che avevano presentato la manifestazione come una calata di barbari: vigili urbani agli svincoli, perfino la croce rossa in forze, negozi chiusi, aree di parcheggio destinate solo ai manifestanti. Una massiccia presenza di CC, Ps e GdF in tenuta antisommossa, blindati e decine di agenti in borghese, molti con telecamere e macchine fotografiche.
Alle 13 in Piazza della Stazione si è riunita Usb, la parte piu' consistente del corteo che alla fine raggiungerà al massimo 4 mila unità.
Sparsi per l'area della stazione altri gruppi, sparute le presenze di Rifondazione, Pcl, Partito comunista e altri gruppi, il corteo è composto da militanti per lo piu' sindacali, da solidali e militanti politici
Sicobas e adl si concentrano in piazza Cittadella, accanto a Palazzo Farnese, il Sol cobas è in presidio davanti alla stazione, lo Slai cobas per il sindacato di classe ha riempito un autobus e si trova davanti al concentramento usb.
L'idea è che questa manifestazione non abbia niente di unitario, prevalga la volontà di partecipare, un ragionamento che tuttavia non vale per tutti....Dove sono la Confederazione cobas e la Cub? Possibile che due delle storiche sigle del sindacalismo di base non siano presenti? Unicobas? non pervenuto, Sgb ha inviato una delegazione di 10 militanti al massimo.
Qualcuno obietterà che avevano assemblee in contemporanea e momenti di confronto collettivo, non sarebbe la prima che si adducono motivazioni del genere, tuttavia anche senza i 20\30 quadri nazionali (si fa per dire), possibile che queste organizzazioni non siano state capaci di inviare una delegazione, anche 50 militanti a testa? Supponenza, autoreferenzialità, sottovalutazione del presente? Leggere la sera in rete i comunicati delle stesse organizzazioni assenti fa pensare ad un sindacato virtuale, capace solo di raccogliere deleghe (e soldi) ma ormai assente dai luoghi del conflitto. Francamente di questo sindacato non sappiamo che farcene
Parte il corteo, ad un certo punto arrivano anche gli incappucciati, non si capisce cosa vogliano fare e a quale scopo, ben presto cambiano idea, non trovano terreno fertile, scontri in città servirebbero a ben poco, isolerebbero i facchini piacentini alimentando un ulteriore clima repressivo che già sta montando
Rari gli esercizi commerciali aperti, pochi i piacentini incontrati, impauriti anche dalle dichiarazioni della Giunta che consigliava di restare a casa, come fa la protezione civile in caso di intense precipitazioni
Arriva la pioggia e il corteo si avvicina alla stazione per sciogliersi, ciascuno per contro proprio, chi va in assemblea e chi invece sceglierà la via di casa
Cosa è uscito da questa giornata?
continua a leggere

Morire sul lavoro o mentre si lotta sul posto di lavoro non è mai una tragica fatalità.

COMUNICATO NAZIONALE

Morire sul lavoro o mentre si lotta sul posto di lavoro non è mai  una tragica fatalità.

La morte di Abd Elsalam Ahmed Eldanf, lavoratore egiziano di 53  anni padre di 5 figli, in servizio presso il centro di smistamento  della GLS di Piacenza, ci riempie di tristezza e di rabbia.

Quando si muore in questo modo, schiacciato da un TIR in movimento, le fatalità non esistono.  La carenza e l’insufficienza di misure di sicurezza e prevenzione adeguate attengono a delle responsabilità ben precise, che sarebbero aggravate se venissero confermate ipotesi di volontarietà di qualche responsabile o del conducente del mezzo per contrastare l’agitazione sindacale che era in corso da parte della USB.

Ci uniamo al dolore dei suoi cari, dei suoi amici e dei suoi compagni di lavoro e faremo tutto quello che è necessario per render giustizia ad una morte tanto assurda e per dare sostegno alla sua famiglia.

Rendiamo e renderemo omaggio ad Abd Elsalam mettendo in campo tutte le possibili iniziative di lotta e di denuncia riguardo l’accaduto, ai diversi scenari che si potrebbero aprire e alla libertà di sciopero.

Per stanotte, intanto, abbiamo deciso di non lavorare negli HUB della GLS in segno di lutto.

Per i prossimi giorni proseguiremo la mobilitazione condividendo, se ci sono le condizioni, momenti di lotta e denuncia unitarie con le altre realtà politiche, sindacali e sociali sul piano locale e nazionale.

 Lì 15/09/2016

Sindacato Intercategoriale COBAS

Associazione Diritti dei  Lavoratori COBAS

giovedì 15 settembre 2016

PIACENZA, OPERAIO UCCISO DURANTE PICCHETTO: SOLIDARIETÀ ALLA FAMIGLIA E AI LAVORATORI DELLA GLS DI PIACENZA

E’ successo a Piacenza davanti ai cancelli della GLS ma sarebbe potuto succedere davanti a qualsiasi altro magazzino dove gli operai della logistica in sciopero bloccano le merci per rivendicare la dignità nel lavoro contrapponendosi a padroni, molto spesso al servizio di multinazionali che della vita delle persone non hanno alcun rispetto e pensano solo ai profitti. E’ in quelle occasioni che polizia e carabinieri accorrono al servizio degli interessi padronali tollerando episodi come quello di Piacenza e bastonando gli scioperanti. Ci sono momenti in cui è inevitabile per chiunque scegliere da che parte stare, noi abbiamo scelto da lungo tempo: stiamo dalla parte dei lavoratori.

Piacenza, operaio travolto e ucciso da tir durante picchetto.

Questa sera nel turno di notte un lavoratore iscritto all'USB durante uno sciopero indetto da questa organizzazione è stato investito da un camion nel magazzino GLS di Piacenza ed è morto sul colpo.

PIACENZA 14 settembre ore 23.45 si muore per lottare si muore per i diritti. 

"Ammazzateci tutti"  è il grido dei lavoratori della logistica di Piacenza.
Un nostro compagno, un nostro fratello è stato assassinato
durante il presidio e lo sciopero dei lavoratori della SEAM, ditta in appalto della GLS questa notte davanti ai magazzini dell’azienda.

Il gravissimo fatto è l’epilogo di una serata di gravi tensioni, la USB aveva indetto una assemblea dei lavoratori per discutere del mancato rispetto degli accordi sottoscritti sulle assunzioni dei precari a tempo determinato.

Di fronte al comportamento dell’azienda i lavoratori, che erano rimasti in presidio davanti ai cancelli, hanno iniziato lo sciopero immediato. Proprio durante l'azione di sciopero, un lavoratore, padre di 5 figli e impiegato nell’azienda dal 2003, è stato assassinato,  sotto lo sguardo degli agenti di polizia da un camion in corsa che ha forzato il blocco.

Questo assassinio è la tragica conferma della insostenibile condizione che i lavoratori della logistica stanno vivendo da troppo tempo. L’USB si impegna alla massima denuncia dell’accaduto: violenza, ricatti, minacce, assenza di diritti e di stabilità sono la norma inaccettabile in questo settore.

Oggi 15 settembre alle ore 11.00 conferenza stampa davanti al magazzino di Piacenza.
Prosegue comunque il presidio dei lavoratori che si è formato dopo la tragedia e si sta arricchendo sempre più con l'arrivo di altri lavoratori degli stabilimenti vicini.

giovedì 8 settembre 2016

SEA SPA MALPENSA LINATE - L’ACCORDO del 22 luglio 2016 è l’inizio della fine !!!!

Siamo di fronte ad un accordo preteso da SEA e sottoscritto dalle organizzazioni sindacali che come sempre non potevano dire di no! A nulla valgono le loro giustificazioni con le quali ammettono che è un accordo non condivisibile. Dai loro comunicati traspare pateticamente che siano stati costretti a firmare contro la loro stessa volontà. Alla fine la loro firma, come al solito, è stata posta ed ora si lodano di aver dato la possibilità ai lavoratori di scegliere tra 3 opzioni di quale ” MORTE MORIRE”.

Per 40 passaggi di lavoratori da AH a SEA SPA e per una manciata di soldi avvelenati, previsti con il PDR che verrà elargito nel 2017, i soliti noti sindacalisti hanno dato mandato a SEA di procedere allo smantellamento dei posti di lavoro e all’OUTSOURCING, vale a dire legittimare l'appalto di quelle attività storicamente in capo a SEA a prezzi bassissimi con conseguenti ricadute occupazionali e salariali.

Stiamo parlando degli stessi sindacalisti che fino a poco tempo fa si strappavano le vesti per non fare entrare le cooperative in Aeroporto? Ma non erano soliti urlare che avrebbero difeso il lavoro buono e non avrebbero mai trasformato gli aeroporti milanesi in una jungla?

Chi lo avrebbe mai detto? Noi lo avevamo previsto, non avevamo dubbi!

Con l’accordo del 22 luglio 2016, le organizzazioni riconosciute da SEA, cioè quelle che vengono chiamate per firmare gli accordi che SEA propone e pretende, hanno dato il via all’inizio della fine per tutti i reparti e le attività in capo a SEA, hanno promosso la modifica del perimetro aziendale attraverso l’appalto di tutte le attività che, secondo loro, possono avere modelli di gestione più performanti in termini di efficienza, qualità e redditività!

Purtroppo questo scenario si sta delineando su tutto il fronte aziendale!
TUTTO PUO’ ESSERE APPALTATO A PREZZI PIU’ BASSI, abbiamo visto cosa è successo per il reparto Termomeccanici e per tutte le attività manutentive che in questi anni sono state esternalizzate, non da ultimo l’attività di gestione dei parcheggi che ha sempre prodotto comunque degli utili!

Utili ai quali non possono essere posti dei limiti quando si vuole avere il massimo profitto, fregandosene di quello che sarà la ricaduta sui lavoratori dei vari appaltatori (vedi i dipendenti della società Romeo Gestioni, i lavoratori della cooperativa e delle varie ditte che lavorano nell’appalto di manutenzione del BHS, della Global Service, etc.)

Inoltre, con tale accordo, si accetta, senza discutere, la dichiarazione di 402 esuberi fatta da SEA, purtroppo questo è solo l’inizio dello smantellamento, pezzettino dopo pezzettino di SEA, ivi compresi PRM e Security.

SEA SPA sostanzialmente dichiara:
                         402 esuberi e la sussistenza di un ulteriore fabbisogno di 141 GPG;
                         40 passaggi in SPA provenienti da Airport Handling;
                         la stipula di un “patto generazionale”, al fine di obbligare il proprio personale alla pensione anticipata in cambio di assumere 1/3 di giovani nell’orizzonte di piano.

Inoltre, con questo accordo, SEA e le Organizzazioni Sindacali vanno in contraddizione, la prima dichiara esuberi, nello stesso tempo assunzioni, e la necessità di nuove GPG e i secondi accettano e avallano tali assurdità contrastanti tra loro, regalando a SEA la possibilità di licenziare i dipendenti al momento del raggiungimento dei requisiti per il diritto alla PENSIONE ANTICIPATA, non dando loro la possibilità di proseguire il rapporto di lavoro fino alla PENSIONE DI VECCHIAIA, e/o la possibilità di ”contrattare” la propria fuoriuscita in modo individuale.

In SEA rimarranno solo dirigenti e sindacalisti, quelli firmatari!

Chi ci legge non ci crederà fino a quando non lo vedrà con i propri occhi!
BISOGNA TOGLIERE IL MANDATO A QUESTI SINDACALISTI CHE STANNO AIUTANDO SEA A RAGGIUNGERE LO SCOPO SENZA TROPPA FATICA.
Ancora una volta verrà utilizzato del denaro pubblico per invogliare i lavoratori ad auto-alienarsi, per farli diventare dei futuri disoccupati in cerca di lavoro senza diritti e dignità.
Siamo nuovamente di fronte ad un accordo sottoscritto senza sentire il parere dei lavoratori. Stanno facendo scempio del loro futuro!

Il loro è l'assurdo intento di continuare a creare schiavi sul mercato del lavoro, impiegati presso un sedime aeroportuale dove il Gestore continua a ottenere utili sempre più alti a discapito di diritti e mancati riconoscimenti di aumenti salariali.

BASTA CON L’INTENTO DI FAR CREDERE E ACCETTARE DEGLI ESUBERI DI PERSONALE NELL'OTTICA FUTURA DI ESTERNALIZZARE IL SERVIZIO A COOPERATIVE O A SRL SENZA SCRUPOLI!

QUESTI SINDACAILISTI VANNO FERMATI!

STANNO AVALLANDO LA FINE DEL "LAVORO BUONO” favorendo quello sottopagato senza diritti e dignità, stanno addossando il costo di tali operazioni sulle spalle della collettività attraverso l'incentivo all'esodo, l'utilizzo della NASPI e del fondo volo.

LA DIRIGENZA SEA DEVE CREARE SEMPRE PIU' UTILI, SPECULA SUL COSTO DEL LAVORO PER POTER GIUSTIFICARE I PROPRI PREMI DI RISULTATO E LE SPESE PER MANTENERE UNA CASTA SINDACALE CHE ORMAI HA PERSO LA RAGIONE E CHE NON HA PIU’ IL SENSO DI RESPONSABILITA’ PER TUTELARE I LAVORATORI.

La nostra Org. Sindacale si attiverà contro questo intento aziendale e affiancherà i lavoratori proponendo loro azioni di lotta atte a dissuadere SEA dal procedere con questa logica che devasta il futuro occupazionale del territorio. Siamo pronti a dare assistenza legale a tutti coloro che non intendono sottostare alle decisioni unilaterali dell’azienda poiché avallate da sindacalisti allineati con essa pur di vedersi garantiti loro privilegi.
Vi ricordiamo che SEA SPA dichiara ricavi che toccano i 694,8 milioni di euro, un margine operativo che raggiunge il massimo storico di 219,8 milioni di euro e nel 2015 UN UTILE NETTO PARI A 83,8 MILIONI DI EURO! E non gli bastano!!!!!!!!!!

06-09-2016